Perché scegliere le escursioni con GEA ENERGY TREKKING

L’ENERGY TREKKING è l’antiossidante psico-biologico per eccellenza che dona a chi lo pratica regolarmente una riserva inesauribile di energia e vitalità. Il contatto con i luoghi di forza trasforma energeticamente carichi tossici di tipo emozionale e fisico grazie al ripristino consapevole del contatto con la Madre Terra. Il passo lento e consapevole, l’immersione con tutti i sensi nella Natura, sono fonte di benessere e attivano processi di guarigione. poiché favoriscono un contatto profondo con se stessi.

i prossimi trekking

21-22 Novembre 2020 • Monti della Tolfa (sulle ali della memoria)• Trekking Lazio
1024 576 GEA TREKKING

21-22 Novembre  2020 • Monti della Tolfa (sulle ali della memoria)  • Trekking Lazio Una collaborazione Associazione La Castellina e…

maggiori informazioni
15 Novembre 2020 • Monte Tezio • Trekking Umbria-
960 720 GEA TREKKING

15 Novembre  2020 • Anello Monte Tezio  • Trekking Umbria- Descrizione breve: Il nome “Tezio” deriva dagli antichi etruschi i…

maggiori informazioni
31 ottobre 1 Novembre 2020 • Via Traversa Bellissima • Trekking Toscana Umbria
1024 259 GEA TREKKING

31 Ottobre 1 Novembre 2020 • Via Traversa Bellissima  • Trekking Toscana Umbria Descrizione Itinerario: Partenza da Porta Romana (Radicofani)…

maggiori informazioni
12 -13 settembre 2020 • Traversa Appennino • Trekking Umbria-Marche
1024 768 GEA TREKKING

12 – 13 settembre  2020 • Traversa Appennino  • Trekking Umbria-Marche Traversa Appennino Umbro-Marchigiano Montagne Sacre12/13 settembre Umbria-Marche I Giorno:…

maggiori informazioni
2 -7 settembre 2020 • A Spasso per le Pontine • Trekking Lazio
960 720 GEA TREKKING

2 – 7 settembre  2020 • A Spasso per le Pontine  • Trekking Lazio A Spasso per le isole Pontine…

maggiori informazioni
GEA TREKKING

chi sono… Giuseppe Daniele / Guida Energetica Ambientale

“Un uomo come me” (Lucio Dalla) ha avuto il suo imprinting con la Natura sui monti della Tolfa. Lì da bambino (6-12 anni) trascorrevo le mie estati (d’inverno stavo a Roma), insieme al nonno maniscalco e alla nonna contadina. E lo zio poi era il veterinario del paese. Ero nella Maremma Laziale, popolata da butteri, i cui figli disdegnavano il lavoro dei padri. E infatti ero uno dei pochi bambini a stare con passione tra questi cowboy nostrani, quando accompagnavo mio nonno a ferrare i cavalli maremmani. Passavo giornate intere all’aria aperta e mi spostavo a dorso di asino o , più di rado, di cavallo. Ero in una cornice da Far West…